Secondo l’Office of Budget Responsibility, la Bank of England e la maggior parte delle previsioni, l’economia del Regno Unito si contrarrà nel 2023. Nonostante il sostegno del governo alle famiglie per il pagamento delle bollette dell’energia, la crisi del costo della vita – con i tassi salariali che aumentano meno dell’inflazione – si farà sentire, soprattutto per i consumatori delle fasce di reddito più basse. 

 

Tassi di interesse più elevati, e tassi ipotecari più alti per coloro che rinegoziano accordi a tasso fisso a basso costo stipulati nell’era dei tassi di interesse zero, eserciteranno un’ulteriore pressione sulle finanze delle famiglie. Ci saranno meno transazioni immobiliari – un fattore trainante tradizionale dei grossi movimenti di denaro – ed è probabile che i prezzi delle case scenderanno di circa il dieci percento rispetto ai picchi recenti. 

 

Tuttavia, questa recessione sarà diversa dalle precedenti. Probabilmente sarà superficiale e lunga piuttosto che profonda. Il mercato del lavoro rimane solido, con molte piccole imprese che faticano a coprire i posti vacanti. Le grandi aziende hanno riconosciuto ai dipendenti aumenti semestrali e non annuali, insieme a premi fedeltà e buoni spesa. Non passeranno dall’oggi al domani a licenziare lavoratori che cercavano disperatamente di tenere, il che significa che l’occupazione dovrebbe rimanere alta.  

 

I bilanci dei consumatori sono in discreta forma – con la solita triste riserva sull’estrema differenza tra “chi ha” e “chi non ha” – poiché i risparmi forzati e il rimborso del debito durante la pandemia fanno sì che complessivamente entriamo in una recessione senza preoccupanti eccessi di debito. 

 

I bilanci aziendali sono ugualmente rassicuranti, poiché le società hanno raccolto capitale dove necessario durante la pandemia; quindi è improbabile che i fallimenti aziendali dovuti all’eccessivo indebitamento siano una caratteristica di questa recessione, a differenza di quella del 1990-92, avvenuta dopo il boom di Lawson di fine anni ’80. 

 

L’eccesso di debito questa volta ricade sul bilancio del governo, come risultato dei piani di sostegno implementati durante la pandemia e ora per le bollette dell’energia, delle esigenze di finanziamento apparentemente inesauribili del sistema sanitario nazionale e, sempre più, dei costi del servizio sul debito pubblico con l’aumento dei tassi di interesse o come conseguenza del pagamento degli interessi legati all’inflazione. 

 

Il debito pubblico è una delle ragioni per cui è probabile che i venti contrari dell’economia britannica si prolunghino. Sgravi fiscali congelati o ridotti su redditi, dividendi e plusvalenze in un momento di aumenti salariali guidati dall’inflazione spingeranno più persone a pagare aliquote fiscali più elevate che mai. Inoltre, questo effetto si accumulerà nel tempo se il congelamento verrà mantenuto come previsto dal governo nei prossimi cinque anni.

 

Nell’ipotesi di un cambio di governo tra due anni, il governo laburista entrante dovrebbe affrontare le stesse sfide fiscali e potrebbe attenersi ai piani esistenti per affrontarle, come accaduto nel 1997 con i piani di spesa del cancelliere Ken Clarke. Senza dubbio il governo imporrebbe oneri fiscali ancora maggiori a “quelli con le spalle più larghe”, ma non c’è spazio per una politica generosa indipendentemente da chi è al potere.  

Di conseguenza, l’economia britannica nel 2023 sperimenterà un curioso mix di sostegno del governo ai pensionati e a chi utilizza energia, sbilanciato verso i meno abbienti durante il prossimo inverno. Assisteremo ad un incremento dei tassi di interesse e dei mutui ma con un limitato aumento della disoccupazione – che è la tradizionale fonte di grande difficoltà durante una recessione; infine osserveremo anche modesti cali dei prezzi delle case e una certa continua crescita dei salari seppur con un incremento della tassazione. 

 

L’inflazione determinerà l’aumento dei tassi di interesse, così come degli stipendi e dei costi degli interessi sul debito governativo. Senza un ulteriore rafforzamento dei prezzi dell’energia (potremo vedere nel 2023 una fine negoziata del conflitto in Ucraina?), l’inflazione scenderà nel corso del 2023. Data la stretta fiscale delineata dal governo, la Banca d’Inghilterra farà del suo meglio per alzare lentamente i tassi di interesse. Coglierà i cali dell’inflazione per moderare i suoi aumenti e si fermerà anche se l’inflazione è ancora notevolmente superiore al suo obiettivo del 2%, non volendo aggiungere indebitamente venti contrari all’economia. Monitorare l’evoluzione dei dati economici in modo misurato sarà la sua parola d’ordine. 

 

Sia i mercati obbligazionari che azionari hanno subito perdite simultanee quasi senza precedenti nel 2022. Questo è il necessario scioglimento di una bolla indotta dal mantenimento dei tassi di interesse a zero per troppo tempo, insieme all’espansione monetaria attraverso il Quantitative Easing e le forme di sostegno del governo a imprese e cittadini durante la pandemia. La mossa tardiva della Federal Reserve statunitense per ripristinare un tasso di interesse positivo, sebbene in misura minore in termini reali, ha fatto calare le valutazioni eccessive sia delle obbligazioni che delle azioni. 

 

La buona notizia è che la liquidazione è stata sostanziale, con i titoli del Tesoro USA decennali che sono passati da un minimo in termini di rendimento dello 0,5% a circa il 4% (I prezzi delle obbligazioni si muovono inversamente ai rendimenti). È improbabile che aumenti di un altro 3% da qui; quindi, la maggior parte dell’aggiustamento delle valutazioni dovrebbe essere alle nostre spalle.

 

Un’altra notizia positiva è che negli ultimi anni il mercato azionario britannico ha sottoperformato in modo così significativo gli altri mercati azionari – a causa della Brexit, di una propensione al value verso settori impopolari e vendite nette persistenti – che ora si trova su livelli di valutazione da cui sono improbabili ulteriori cali sostanziali. In questo contesto, le azioni britanniche appaiono valutate in modo molto interessante.

 

La notizia meno buona è che non si può dire lo stesso per Wall Street, che rimane molto apprezzata rispetto agli standard storici nonostante l’entità dei ribassi dei titoli growth con rating elevato così gonfiati nel periodo della bolla. Un ulteriore declassamento a Wall Street sembra inevitabile, anche se gli spiriti animali sono ansiosi di rianimarsi sulla base di un qualsiasi “pivot” della Federal Reserve.

 

È improbabile che le azioni britanniche siano immuni da ulteriori ribassi a Wall Street, anche se la nostra valutazione suggerisce che ci sono le basi per una ripresa abbastanza rapida. Gli investitori esamineranno l’efficacia delle loro aziende nel percorrere i difficili momenti che le attendono, ma dopo aver superato la pandemia, i team di gestione sono esperti nel superare i venti contrari sia della domanda che del costo dell’offerta.

 

Dopo un anno difficile per gli investitori nel 2022, c’è molto su cui essere costruttivi per il 2023, indipendentemente dai venti contrari attuali.  

Il valore delle menti attive: il pensiero indipendente     

Una caratteristica fondamentale dell’approccio di investimento di Jupiter è che evitiamo l’adozione di una view della casa, preferendo invece consentire ai nostri gestori specializzati di formulare le proprie opinioni sulla loro asset class. Di conseguenza, va notato che tutte le opinioni espresse, anche su questioni relative a considerazioni ambientali, sociali e di governance, sono quelle degli autori e possono differire dalle opinioni di altri professionisti degli investimenti Jupiter.    

Informazioni Importanti